Bilancio Unipol, i conti (preliminari) del 2021. Dividendo 2022 di 0,3 euro

Bilancio Unipol, i conti (preliminari) del 2021. Dividendo 2022 di 0,3 euro

[ad_1]


I vertici di Unipol hanno segnalato che nel triennio 2019-2021 sono stati raggiunti e superati i target di utile, solidità patrimoniale e remunerazione per gli azionisti

unipol-gruppoUnipol ha comunicato i risultati finanziari preliminari del 2021, esercizio chiuso con un utile netto (esclusa la quota di terzi) di 626,6 milioni di euro, in calo rispetto ai 707,4 milioni contabilizzati l’anno precedente, periodo influenzato dalla riduzione della sinistralità conseguente al lockdown integrale decretato dal Governo nei mesi di marzo e aprile 2020. Unipol ha segnalato che sul risultato netto del 2021 ha inciso positivamente per 144 milioni di euro il consolidamento pro quota del risultato di BPER Banca. La raccolta diretta assicurativa – al lordo delle cessioni in riassicurazione – si è attestata a 13,33 miliardi di euro, in crescita del 9,2% rispetto al dato del 2020 (12,21 miliardi di euro), in conseguenza all’incremento registrato nel comparto Vita (+24,4% a 5,39 miliardi di euro).

 

A fine 2021 il patrimonio netto consolidato era salito a 9,72 miliardi di euro, rispetto ai 9,53 miliardi di inizio anno.

Sempre a fine 2021 l’indice di solvibilità (parametro che indica la solidità patrimoniale delle compagnie assicurative) indicava un rapporto tra fondi propri e capitale richiesto pari al 216%, in linea con il dato di inizio anno e in crescita rispetto al 208% registrato al 30 settembre 2021.

I vertici hanno evidenziato che nel 2021 il portafoglio titoli della compagnia ha ottenuto un rendimento lordo pari al 3,1% degli asset investiti (di cui il 2,9% relativo alla componente di cedole e dividendi) pur in presenza di tassi di interesse di mercato che si mantengono su valori contenuti.

 

I vertici di Unipol hanno segnalato che nel triennio 2019-2021 sono stati raggiunti e superati i target di utile, solidità patrimoniale e remunerazione per gli azionisti fissati nel piano strategico, con utili consuntivi consolidati cumulati pari a 2,33 miliardi di euro, contro i 2 miliardi di target di piano e l’erogazione di dividendi cumulati previsti per 617 milioni di euro, contro i 600 milioni previsti a piano.

 

Il management di Unipol ha proposto l’assegnazione del dividendo 2022 (relativo all’esercizio 2021) per un ammontare di 0,3 euro per azione, in crescita del 7,1% rispetto all’esercizio precedente; la cedola sarà staccata il mese di maggio.

 

Nel corso della conference call a commento dei risultati finanziari, l’amministratore delegato di Unipol, Carlo Cimbri, ha anticipato che il nuovo piano industriale sarà presentato nel mese di maggio.

Sempre nel corso della conference call a commento dei risultati finanziari, il direttore generale di UnipolSAI, Matteo Laterza, ha segnalato che i titoli di Stato italiani pesano per il 39% degli investimenti di Unipol. Di conseguenza, secondo il manager, un aumento dei tassi d’interesse è una cosa positiva per il profilo di solvibilità della compagnia dal punto di vista finanziario. “Con fotografia degli asset attuali, un incremento dei tassi di 50 punti base a livello di gruppo Unipol incrementa la Solvency di 7 punti”, ha precisato Matteo Laterza.


[ad_2]

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.