I Mercati NON sono in bolla

I Mercati NON sono in bolla

[ad_1]

I Mercati NON sono in bolla

Questi mercati sono realmente in bolla? Le azioni ad alto potenziale di crescita sono davvero sopravvalutate ? Se guardassimo questo indicatore NO ed in questo video vi spiego nello specifico il perchè!

Supponiamo di avere due aziende, un azienda A che si chiama visionrocca, ed un azienda b che si chiama visionceru, l’aienda a ha un pe di 10, l azienda b un pe di 30, se vi chiedessi quale risulta piu cara in questo momento guardanto solo questo dato, probabilmente in tanti direste che francesco è piu caro Ma se vi aggiungessi la crescita degli utili, la vostra opinione cambierebbe ? in questo caso la mia azienda ha una crescita utili del 5 % contro l azienda di francesco che ha una crescita utili del 60% Ed è qui che arriva il PEG RATIO: cos’è e come si calcola, basta semplicemente dividere il pe di un azione per il tasso % di crescita utili previsto nell’esercizio in corso Se il rapporto P/E di una società è superiore al tasso di crescita e quindi il PEG risulta maggiore di uno, ciò significa che il titolo della società è relativamente costoso; viceversa, se P/E è inferiore al tasso di crescita e quindi il PEG è minore di uno, ciò è visto dagli analisti come un segno favorevole all’acquisto.

Guardando e conoscendo adesso il peg ratio, tanti sicuramente optereste per l azienda di francesco cerulo, perchè? perche è vero che sconta un prezzo rapportato agli utili più alto, ma è anche vero che ha un tasso di crescita utili previsto nell’anno in corso 12 volte superiore rispetto quello della mia azienda e doppio rispetto il proprio pe, infatti se caclcoliamo il peg di francesco otteniamo un valore di 0,5, se calcoliamo invece il peg della mia azienda otteniamo un valore pari a 2 La mia azienda nonostante abbia un pe piu basso, secondo il peg risulta poco favorevole all acquisto perchè relativamente costosa, differente il discorso per l’azienda di francesco nonostante abbia un pe di 30 avendo un tasso previsto di crescita utili del 60% risulta favorevole per gli acquisti Stando a ciò che da sempre ci insegna la teoria, il price to earning di un azione non dovrebbe essere superiore di 1 1,5 volte la crescita dei propri utili

TI CONSIGLIO DI GUARDARE IL VIDEO COMPLETO IN BASSO

In diretta analizziamo scenari e grafici di indici quali: , , , e S&P 500 oltre a petrolio, oro, , e titoli azionari come UniCredit (MI:) (MI:CRDI) (MI:CRDI), Intesa Sanpaolo (MI:) (MI:ISP) (MI:ISP), Enel (MI:) (MI:ENEI) (MI:ENEI) ed Eni (MI:) (MI:ENI) (MI:ENI).

[ad_2]

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.