Sarà la Cina il vero motore del mondo?

Sarà la Cina il vero motore del mondo?

[ad_1]

La Banca centrale allenta la politica monetaria…
La Banca popolare di Cina, nell’intento di incoraggiare le banche a concedere più prestiti alle imprese, ha ridotto dello 0,5% la proporzione di depositi bancari da tenere come riserve nel dicembre scorso, raggiungendo una media dell’8,4%. La riduzione delle riserve, che sono note come required reserve ratio (RRR), consentirà d’immettere nell’economia 1.200 miliardi di yuan (circa 190 miliardi di dollari).

…perché la crescita del PIL sta rallentando, complice il settore immobiliare
Una crescita del PIL del 4,9% nel terzo quadrimestre del 2021 (era del 7,9% nel secondo quadrimestre), ma soprattutto il forte rallentamento del settore immobiliare (vedi Evergrande (HK:)) che vale il 27% del PIL, hanno infatti consigliato un allentamento nella facilitazione del credito. Quello che continua a trainare il PIL sono le esportazioni, grazie al fatto che le catene di distribuzione globali dipendono in larga parte dalla Cina. L’aumento dei costi della manodopera ha tuttavia portato ad una compressione dei margini di profitto, con le imprese del settore manifatturiero che sono quindi sempre più esposte al rischio di oscillazione dello yuan e alla volatilità della domanda globale. I consumi interni risentono del rallentamento della crescita della popolazione, nonostante l’abolizione della politica del figlio unico avvenuta nel 2013 e la recente autorizzazione governativa ad avere tre figli: la crescita dei consumi quale effetto della crescita demografica richiede infatti tempi lunghi.

Per il 2022 gli obiettivi sono difficili da raggiungere
Dall’8 al 10 dicembre scorsi l’annuale Central Economic Work Conference ha posto per il 2022 alcuni obiettivi e tra questi: continuare a implementare politiche fiscali pro-attive insieme a politiche monetarie prudenti, stimolare la vitalità degli attori del mercato mediante politiche microeconomiche, promuovere una concreta crescita delle politiche orientate alla tecnologia e alla scienza, dare nuovo impulso allo sviluppo economico mediante riforme e aperture, promuovere uno sviluppo equilibrato tra le diverse regioni, assicurarsi che le politiche sociali salvaguardino il benessere della popolazione.

Così come non sarà facile raggiungere quelli di medio termine
Le tendenze di medio periodo sono invece state dettate nel marzo scorso dalla Conferenza Politica Consultiva del Popolo Cinese e l’Assemblea Nazionale del Popolo (le due sessioni) che hanno dato il via libera al quattordicesimo Piano Quinquennale contenente importanti linee guida di riforma sociale, economica ed industriale che lasciano intravedere un quinquennio di grandi cambiamenti.

Ecco i quattro pilastri della crescita che prevedono oltre 16 trilioni di dollari di investimenti
L’impostazione generale poggia su alcuni pilastri:
· Dual Circulation: è la strategia di sviluppo economico basata sul mercato interno (internal circulation) ed in modo articolato sull’integrazione globale (external circulation), confermando di fatto le impostazioni di politica economica del tredicesimo PQ, i cui obiettivi non sono stati raggiunti per effetto della pandemia. Le direttrici riguardano l’uscita della Cina dallo stato di Paese in via di sviluppo, con un PIL pro-capite stimabile intorno ai 30.000 dollari nel 2035. Non sono completamente chiari sono invece gli obiettivi dell’integrazione globale che fanno leva sull’indipendenza tecnologica;
· Indipendenza Scientifica e Tecnologica. Già il programma Made in China 2025 (MiC2025), lanciato nel 2015, conteneva gli elementi per una profonda trasformazione industriale, spostando l’accento dalla quantità alla qualità e individuando 10 settori strategici in cui la Cina avrebbe dovuto raggiungere la leadership entro il 2049. Gli obietti del nuovo PQ sono di fatto gli stessi del MiC2025, rivisti alla luce dei mutamenti tecnologici intervenuti;
· Nuova Urbanizzazione. L’intento è quello di ridurre il divario tra le fasce di popolazione più povere e più ricche. Gli obiettivi delle Nuova Urbanizzazione prevedono grandi trasformazioni del modello economico basato sull’agricoltura e la trasformazione del settore dei servizi, lasciando intravedere grandi opportunità di business. Il nuovo PQ non prevede però una nuova liberalizzazione del mercato fondiario che avrebbe dato ulteriore impulso ai redditi delle famiglie rurali;
· Green Development. Pur essendo indicato come indispensabile, il PQ non ha dato indicazioni precise e obiettivi specifici del green development, contenuti comunque nella deliberazioni dello State Council del febbraio 2021 che strutturavano un preciso percorso di trasformazione economica e sociale verso la carbon neutrality, non presente nelle pianificazioni precedenti. E’ uno sforzo immane che comporta la dismissione di circa 700 GW di centrali a carbone (simile alla capacità di potenza installata in Europa) e l’eliminazione di 12GtCO2e/l’anno. Gli investimenti sono enormi e pari a circa 140 tn di RMB (circa 16 tn di dollari) in 10 anni.

Ma anche in Cina, tra il dire e il fare…
Fin qui la teoria. Occorre tuttavia metterla in pratica sia nel breve che nel medio periodo. Tra gli ostacoli da superare c’è l’armonizzazione dei diversi portatori di interessi. Per esempio, tra i principali obiettivi per l’anno 2022 c’è quello che i vertici Cinesi chiamano il “benessere condiviso”, ovvero una condizione condivisa da tutti sia in termini materiali che in termini culturali, con una riduzione del gap tra regioni, aree urbane e rurali e tra entrate individuali e l’impegno nella ridistribuzione della ricchezza che, secondo il Governo è possibile suddividere in tre obiettivi che però sono ben lontani dall’essere raggiunti: ridurre i costi delle abitazioni, aumentare le entrate e dare alla popolazione maggiori opportunità di creare ricchezza.

Intanto la Cina sta gettando le basi per la futura collaborazione con la Russia e si sa, il nemico del mio nemico…

Sicuramente nei prossimi anni non ci annoieremo.

Responsabilità: Fusion Media would like to remind you that the data contained in this website is not necessarily real-time nor accurate. All CFDs (stocks, indexes, futures) and Forex prices are not provided by exchanges but rather by market makers, and so prices may not be accurate and may differ from the actual market price, meaning prices are indicative and not appropriate for trading purposes. Therefore Fusion Media doesn`t bear any responsibility for any trading losses you might incur as a result of using this data.

Fusion Media or anyone involved with Fusion Media will not accept any liability for loss or damage as a result of reliance on the information including data, quotes, charts and buy/sell signals contained within this website. Please be fully informed regarding the risks and costs associated with trading the financial markets, it is one of the riskiest investment forms possible.

[ad_2]

Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.